HomeI segreti Carbonari

I segreti Carbonari

Monumento ai “Carbonari della Fratta”Nei primi anni dell'ottocento, in cui venivano anche abattuti i resti del vecchio castello dei Pepoli, si compiva la tragedia dei "Carbonari della Fratta", il motivo per cui la "cittadella" è inserita in tutte le storie patrie, come primo esempio di repressione da parte austriaca delle aspirazioni alla libertà e all'emancipazione nazionale (1818).

La premessa per attivare propositi di unione e riscatto nazionale, fu facilitata dalla presenza in loco di dimore di campagna di nobili cittadini, in contatto con notabili ed esponenti della borghesia locale e circonvicina, con l'aggiunta di forti tradizioni culturali maggiormente acuite durante il periodo napoleonico.

Sentenza contro i “Carbonari della Fratta” (la prima pronunciata nel Lombardo-Veneto)

 

A ricordo del sacrificio dei Carbonari, nel 1867 venne eretto, primo nel Vento liberato dagli Austriaci dopo la terza guerra di indipendenza, un monumento opera dello scultore veronese Grazioso Spazzi.